Work Package 2: per promuovere sinergie tra le università e le comunità per uno sviluppo locale sostenibile

  1. Accreditamento/conoscenze preliminari
  2. Analitica orientata al contesto
  3. Interpretazione proattiva
  4. Scenario proattivo
  5. Validazione e verifica delle azioni

Puoi fare richiesta dei materiali grafici ad alta risoluzione: info.ostemi@gmail.com

poster_a1_itaLe ipotesi di lavoro sono state illustrate durante il meeting del marzo 2015 presentando un poster dove le fasi di sviluppo del WP2 erano accompagnate da immagini e schemi esemplificativi.

Il confronto tra i partner ha portato alla sua definizione preventiva. Lo schema iniziale, nel quale venivano indicate le fasi in modo aggregato è stato successivamente articolato in due macro ambiti di azioni. Una azione tecnica, che indica le attività svolte dagli “esperti” con strumenti, linguaggi, forme esperte. Una azione sociale, che indica le attività svolte con un rapporto interattivo intenso con i soggetti locali.
A conclusione delle attività è possibile, anche come verifica, indicare quanto si è potuto realizzare descrivendo, con macchie di colore più o meno intense, il livello qualitativo delle effettive attività realizzate. In particolare si evidenzia la mancata possibilità di attivare interazioni intermedie durante l’elaborazione della fase interpretativa/di scenario. Le attività di ricerca e di progetto sono per propria natura “continue” e i probabili sviluppi, transitando dalla sperimentazione alla replicazione di nuovi cicli progettuali, consentirà di riprendere, anche per intensità, gli elementi mancanti o limitati.

schema-fasi-wp2

1. FASE DI ACCREDITAMENTO/CONOSCENZE PRELIMINARI

La fase di accreditamento è, in genere, compresa nelle altre fasi di ricerca. In questo processo abbiamo voluto isolarla perché, qui più che altrove, ci risultava ancora più evidente di come esista la necessità di essere identificati come soggetti “credibili”. Quando si opera a diretto contatto con un territorio, e con i suoi abitanti, assumere una conoscenza di base rispetto alla realtà nella quale si opera è fondamentale. Qui più che altrove perché per noi il territorio e la società di una Provincia della Repubblica Dominicana risulta, per ovvi motivi, sconosciuto. Inoltre la sperimentazione a El Seibo doveva assumere un carattere metodologico rivolto agli studenti della Especialidad. Un caso studio esemplificativo di un metodo di ricerca, quello basato su un approccio interattivo, che costituisce l’imprinting dell’intero progetto.

-Azione tecnica per studi preparatori

1.1 TEMATICI
Studi che raccolgono informazioni e dati rilevanti sul tema della sicurezza/sovranità alimentare.
Si tratta di banche dati di organismi internazionali che descrivono per ogni nazione del pianeta alcuni indicatori fondamentali.
Survey su banche dati internazionali raggiungibili via web. Indirizzo, contenuti e commento rispetto ai temi ricercati;
Atlante della base dati del Banco Mundial. Elaborazione dei dati a base nazionale e produzione di report conclusivo sui continenti sud americano e centro americano;
Sintesi critica di testi sulla relazione tra economia e cambio climatico in America latina;
Sintesi critica di testi sulla relazione tra cambio climatico, agricoltura e povertà in America Latina;
Atlante della base dati della FAO per indicatori rilevanti per la sicurezza alimentare su base nazionale.
 
1.2 GEOGRAFICI
Elaborazione dati e raccolta di documentazione sullo stato del territorio nella Repubblica Dominicana e nelle provincie dove sono attive le ADEL. Inoltre documenti per piani di sviluppo e indagini socio economiche curati dalle ADEL.
In questo elenco sono presenti anche elaborazioni che sintetizzano le informazioni contenute nei documenti e forniscono una prima interpretazione.
Report sintetico (1) di inquadramento delle ADEL in Repubblica Dominicana;
Report sintetico (2) di inquadramento delle ADEL in Repubblica Dominicana;
Piano di sviluppo locale per la ADEL di Valverde;
Piano di sviluppo locale per la ADEL di El Seibo;
Piano di sviluppo locale per la ADEL di Dajabon;


-Piano di sviluppo locale per la ADEL di Monte Plata;
Cartografia di inquadramento delle ADEL;
Quadro sinottico di sintesi dei caratteri strutturali presenti nei piani di sviluppo locale;
Analisi SWOT;
Sintesi preliminare dei caratteri rilevanti per la provincia di Monte Plata.
Sintesi preliminare dei caratteri rilevanti per la provincia di El Seibo
Analisi SWOT specifica di El Seibo


-Azione sociale di sensibilizzazione dei attori locali

1.3 PRELIMINARE
Sensibilizzazione degli attori locali sui tempi del progetto corrispondenti ai tre titoli dei WP. Formazione, mappatura sociale, accordi per lo sviluppo di una cultura per la sicurezza alimentare con incontri preliminari che vengono rendicontati con report consuntivi.
I referenti del progetto della UCE hanno svolto un incontro presso ogni ADEL per sollecitare l’attenzione per il progetto nelle sue componenti didattica (WP1) e di indagine sul territorio (WP2) come nel caso di El Seibo.
1.4 AVVIO FASE SUCCESSIVA
Presentazione sul campo dei materiali tecnici predisposti nelle Azioni tecniche e proposta di lavoro per la fase successiva.
E’ stato prodotto un video

presentato proprio durante un incontro tra i vari stakeholders con funzione di “cerniera” tra la fase di costruzione delle CONOSCENZE PRELIMINARI e la richiesta di collaborazione fatta ai produttori (utilizzando inchieste, mappe collettive e visite sul terreno). Questo diviene il modo di collegare queste mappe con la “realtà” (cioè la ortofoto- Google Earth) e quindi di accompagnare i produttori lungo la spiegazione con materiali audiovisivi collegati tra di loro.

 

2. ANALITICA ORIENTATA AL CONTESTO

Il processo di ricerca è, nella sua pratica, continuo e identificare “fasi” ha lo scopo, strumentale, di esplicitare la specificità di ogni fase. Qui si intendono evidenziare due aspetti:

  • un insieme di strumenti che consento di “fissare” elementi che si ritengono significativi a partire dal rapporto diretto con gli abitanti di un luogo, approccio interattivo.
  • determinare l’importanza degli elementi isolati nei “racconti continui” che vengono raccolti nei processi interattivi dipende dalla capacità di cogliere i caratteri più rilevanti di un determinato contesto.

Questa è una attività che quindi deve esercitare la capacità di selezione e di comprensione del contesto in cui si opera.

2.1 elenco partecipanti:
2.2 questionari:
2.3 Percorsi:

questa la mappa dei percorsi:

 elseibo_01-a3

Percorso n 1:

1-3-percorso-1 1-2-percorso-1 1-1-percorso-1

Percorso n 2

1-6-percorso-2 1-5-percorso-2 1-4-percorso-2

Percorso n 3

1-9-percorso-3 1-8-percorso-3 1-7-percorso-3

percorso n 4:

1-12-percorso-4 1-11-percorso-4 1-10-percorso-4

2.4 mappatura prodotta socialmente

 

Incontro 2 – Catena di valore del LATTE
2-4-1-mappa-collettiva-latte


Incontro 3 – Catena di Valore della FRUTTA
2-4-2-mappa-collettiva-frutta-e-ortaggi


Incontro 4 – Catena di valore del CACAO
2-4-3-mappa-collettiva-cacao


 

3. INTERPRETAZIONE PROATTIVA/4.SCENARIO PROATTIVO

La fase interpretativa è quella più interna al sapere disciplinare. Si vuole qui evidenziare che l’interpretazione deriva da una ulteriore selezione degli elementi di valore che vanno rappresentati. La forza, più o meno intensa, con la quale vengono rappresentati gli elementi determina un orientamento verso l’obiettivo che ci si pone. Quindi l’interpretazione contiene gli elementi del progetto. Sono in realtà i nostri obiettivi che guidano selezione, intensità e modalità nella rappresentazione. L’interpretazione allude a uno scenario, a una “visione”, che trova ancora modi di rappresentarsi “sfumati”, non perfettamente delineati. In questa fase, come nella precedente, la rappresentazione può essere definita “calda” in quanto densa nei contenuti ma ancora non definita e precisa. Il dettaglio e la precisione è propria del progetto dove la raprresentazione si definisce “fredda”.

3.1 -Img 1. Identificazione geografica.
Interpretazione per la suddivisione del territorio provinciale di El Seibo in tre macro aree per caratteristiche orografiche, ambientali, insediative. Indicatori di sintesi a scala provinciale per superficie territoriale, popolazione, densità, servizi, infrastrutture e macro valori per catene di valore.
jpgrd_panel_print_1-200-dpi
3.2 -Img 2. Metodologia di lavoro.
Identificazione per l’area di studio dei macro indicatori rispetto a percorsi, numero di incontri, registrazioni audio, interviste, repertorio fotografico, repertorio cartografico. Esiti sintetici delle mappature sociali e delle indicazioni per catene di valore.
rd_panel_print_2
3.3 -Img. 3 Mappatura delle catene di valore oggetto d’indagine.
Sovrapposizione cartografica tra i caratteri strutturali del territorio studiato, per elementi antropici e naturali, e aree coltivate per catene di valore. Indicatori relativi a superfice territoriale, popolazione, densità, insediamenti, servizi, infrastrutture, e estensione delle aree per catene di valore.
rd_panel_print_3
3.4 -Img. 4. Caratteri strutturali, antropici, naturali e per catene di valore suddivisi per le tre valli oggetto di indagine lungo i percorsi di visita al territorio.
Identificazione dei caratteri antropici e naturali per vallata sovrapposti agli indicatori per catene di valore.
rd_panel_print_4-rid
3.5 -Img. 5. Caratteri strutturali socio economici per le tre catene di valore indagate: Cacao, Allevamento e latte, Orto frutta.
Caratteri di produzione, commercializzazione e condizioni di sicurezza alimentare. Per catene di valore.
rd_panel_print_5
 3.6 -Relazione

 

5. VALIDAZIONE E VERIFICA DELLE AZIONI

La fase conclusiva, seguendo un percorso circolare, torna al territorio e all’abitante. Espone gli esiti finali, a quel momento, del processo che dalla analitica ha realizzato lo scenario in modo da mettere alla prova, ancora una volta in modo interattivo, le conoscenze e le ipotesi di “futuro” con chi, l’abitante e il suo territorio, ne sarà protagonista. In questa sperimentazione sia gli elementi di scenario, sia il processo di ritorno ai soggetti locali, non sono particolarmente approfonditi. L’estensione dell’area, il numero di abitanti, le difficoltà nell’organizzare incontri e approfondire gli elementi propri per un progetto da loro validato, non hanno consentito lo sviluppo, come avremmo voluto, di questi elementi. Tenendo conto che è una sperimentazione rivolta a chi approfondirà le tematiche di ricerca nei corsi della Especialidad si ritiene che sia, ora, compito della formazione approfondire questi elementi.

5.1 -Poster.
Particolare di una delle immagini interpretative del territorio di El Seibo con il tracciato schematico delle tappe di sviluppo di WP1 e WP2.
03_panel-bruselas
5.2 -Video.
Presentazione degli esiti del percorso di mappatura sociale e sintesi interpretative e progettuali con supporto multimediale esposto nella presentazione al pubblico in aprile 2016.


Per saperne di più:

Food Security: From University to Territory – Strengthening the University Management for Learning and Practice in the Field of Food Security

WP2: Promuovere sinergie tra le università e le comunità per uno sviluppo locale sostenibile

 


Annunci